EMOZIONI FOTOGRAFICHE

Emozione, Fotografia, Comunicazione

site builder

Il prima e il dopo - Gennaio 2018

La post-produzione raccontata: ogni mese chiediamo ai nostri allievi di post-produrre una immagine assegnata
In questo spazio riportiamo la post-produzione che ci è parsa più interessante, corredata dalla spiegazione e commenti dell’autore.

Mobirise

Immagine originale

Mobirise

Primo classificato: Roberto Manfredi

Anche questa volta gli interventi sono stati effettuati su Lightroom.
Al fine di poter vedere le modifiche realizzate anche tramite CameraRaw, Roberto ha convertito il raw in dng e salvato le modifiche al suo interno.  
L'elaborazione è disponibile al seguente link: Postproduzione Gennaio
 
Di seguito la descrizione di Roberto della propria elaborazione.
 
 
Il Colosseo è uno dei soggetti più fotografati del mondo, forse il più fotografato in assoluto; davanti ha un'immagine del Colosseo non posso fare a meno di provare una sensazione di déjà vu. La mia prima reazione davanti a questa elaborazione è stata perciò quella di cercare di rendere in qualche modo originale la fotografia. Ma dopo diversi tentativi mi sono dovuto arrendere alla banalità del Colosseo. Così ho pensato: se non è possibile evitare la sensazione di déjà vu, cerchiamo di sfruttarla spingendola al massimo, al di là dei confini del kitsch.
Ho utilizzato esclusivamente Lightroom, ecco come.
 
Prospettiva e ritaglio. Nelle foto d'epoca, realizzate con dei banchi ottici, non ci sono linee cadenti. Bisogna quindi aggiustare la prospettiva nell'immagine proposta, che presenta delle linee verticali convergenti verso l’alto. Nel pannello “Trasformazione” ho scelto la modalità “Guidata”, che consente di definire, trascinando il puntatore del mouse, una o due linee che dovrebbero essere verticali e una o due linee che dovrebbero essere orizzontali. Ho quindi ritagliato l'immagine per centrare il soggetto.

Mobirise



Eliminazione delle luci. Nell’originale si notano due luci che mal si accordano con l'idea di una foto d’epoca. Per eliminarle ho utilizzato il pennello rimozione macchie, facendo attenzione a scegliere con cura la “zona origine”, utilizzata per ricostruire la “zona destinazione”, in modo da rendere il risultato il più plausibile possibile (foto seguenti). Certamente con Photoshop si può fare di meglio, ma i risultati ottenuti mi sembrano comunque accettabili (salvo un lampione troncato, di cui mi sono accorto solo a posteriori!).

Mobirise
Mobirise



Regolazioni tonali. Nulla di particolare: essenzialmente ho aperto le ombre

Mobirise



Conversione in B/N. Dopo aver premuto il tasto V (che converte un immagine a colori in BN e viceversa) ho regolato la “Miscela bianco e nero” abbassando il cursore del blu per scurire il cielo e alzando il cursore acquamarina e verde per schiarire il prato in primo piano e dargli un po’ di contrasto

Mobirise



Viraggio sepia. Per ottenere il viraggio sepia ho utilizzato il pannello “Divisione Toni”

Mobirise



Grana e vignetta. Non basta il tono sepia per ottenere un’immagine d’epoca: ci vuole anche una bella grana! L’ho ottenuta utilizzando il pannello “Effetti” come in figura 6. Con lo stesso pannello ho regolato la vignettatura per avere una cornice bianca e completare così l’effetto “cartolina d’epoca”

Mobirise
Mobirise
Indirizzo

Via Francesco Amici 8
00152 Roma
Dove siamo

Contatti

Email
Telefono: 06 92099405